LA FAVOLA E’ SEMPRE LA FAVOLA

Fin da piccolina, ho sempre amato le favole; Adoravo quando me le raccontavano e quando mi leggevano quei libri incredibili dove venivano narrate avventure fantastiche.

Coraggiosi cavalieri, bellissimi principi e meravigliose principesse, streghe , fate e tanto altro erano i protagonisti indiscussi nelle mie storie.

io piccola

Sono cresciuta aspettando il principe azzurro, nell’attesa di vedere diventare realtà il sogno d’amore con …e vissero felici e contenti, ma gli anni passavano, io crescevo e piano, piano ho capito che le favole erano una grande fregatura!

La certezza l’ho avuta quando un bel giorno, pensando finalmente di aver trovato il mio principe (non azzurro perché quell’anno quel colore non era di moda e poi lo sbatteva un po’ in viso), rapita da uno sguardo maliardo di uno sicuro che io, timidina, impaurita, preoccupata nel dare il mio primo bacio, non avrei resistito al suo fascino, tanto che nei miei sottotitoli c’era:” Guarda quanto so bello, guarda quanto so fico, e daje quando mai te ricapita, se perdi sto treno sei finita…”…insomma, per farla breve: chiudo gli occhi e mi” lancio” tra le sue braccia con la testa in assetto bacio e…voilà, è fatta… mi sento strana, la mascella mi trema…apro gli occhi e…e…porca miseria mi si era trasformato in un rospo!!!

Poi, finalmente, dopo tanti rospi, ho trovato il mio principe ingegnere che dopo il bacio non mi si è trasformato in rospo.

Quando sono diventata mamma ho riscoperto il piacere di ascoltare e leggere le favole, perché la gioia che provocano non ha tempo né età. Bisogna abbandonarsi alla lettura o all’ascolto della storia e permettere alle emozioni e al divertimento di prendere il sopravvento.

Parlando con diversi pediatri e pedagoghi, ho realizzato di quanto siano importanti le favole fin dai primi momenti della vita di un bambino.

I protagonisti sono quasi sempre animali che diventano simboli di vizi e virtù e alla fine del racconto c’è sempre una morale che molto spesso insegna ai più piccoli cosa sia giusto e cosa no.

La fiaba, al contrario della favola, racconta di avventure pazzesche con personaggi, come protagonisti, dai poteri magici come fate, maghi, giganti, orchi etc… e quasi mai di animali.

Le favole e le fiabe sono il genere letterario più antico e precedente a qualsiasi forma di letteratura, vengono tramandate oralmente da sempre, di paese in paese, e sono oggi considerate patrimonio della letteratura infantile…Potevano mancare sul mio blog “I love bimbo”??

Ovviamente no!

IL LIBRO DELLA GIUNGLA
Il libro della Giungla 009Il libro che vi presento oggi è ispirato al film Il Libro della Giungla della Walt Disney, e liberamente ridotto da” I libri della giungla” di R. Kipling. 
Pubblicato da Arnoldo Mondadori.

Il libro della Giungla 019Il libro della Giungla 021

Il libro della Giungla 020Il libro della Giungla 016

Il libro della Giungla 017Il libro della Giungla 013

Il libro della Giungla 015Il libro della Giungla 014

Il libro della Giungla 018 “…sempre con voi…” Samantha de Grenet

Facebook Twitter Google + Pinterest Linkedin Reddit